68^ edizione
ITA

NOVITÀ DAL SALONE

29 mar

“KM delle rose”, un miglio fiorito per promuovere Saonara e i suoi vivaisti

Il progetto nasce dalla collaborazione fra amministrazione comunale e Geo spa, nell’ambito del salone internazionale del florovivaismo Flormart

 

(Padova, 29.03.2017). Ottomila piante di rose rosse e sessanta alberi da frutto: a partire dalle prossime settimane, chi arriverà a Saonara verrà accolto dal “km delle rose”, nuova scenografica porta d’accesso al territorio dei vivai. Un progetto di ridisegno del verde urbano, che è al contempo un progetto di marketing territoriale, nato dalla collaborazione fra il Comune della cintura urbana e Geo spa, società che dallo scorso settembre ha assunto la gestione della Fiera di Padova. Un’iniziativa che si inserisce nell’ambito di Flormart, il Salone internazionale dedicato al florovivaismo, all’architettura del paesaggio e alle infrastrutture verdi in programma dal 21 al 23 settembre 2017.

 

Le rose, della specie Europeana, sono state piantumate in questi giorni lungo la strada dei vivai nell’area verde che separa le due carreggiate stradali, in prossimità della rotatoria di accesso al Comune, sia provenendo da Padova che da Piove di Sacco. La fioritura è attesa nelle prossime settimane.

 

«L'impegno che l'Amministrazione comunale di Saonara sta mettendo per il rilancio del settore vivaistico – spiega il Sindaco Walter Stefan -  ha trovato in Geo spa un generoso sponsor. Il nuovo “km delle rose” propone un'immagine di rara bellezza che esalta la specificità della produzione locale e delle sue aziende vivaistiche, proprio nel territorio in cui il vivaismo è nato agli inizi del 1800 con il nome di Sgaravatti».

 

«Il progetto, che conferma la scelta strategica di Geo spa di valorizzare il genius loci e di mettere a sistema le eccellenze del territorio, ha consentito di “mettere in rete” alcuni florovivaisti del saonarese, coinvolti nella realizzazione del nuovo “portale” di accesso al loro territorio», precisa l’ad di Geo spa Luca Griggio.  A Saonara si concentrano oltre 70 imprese florovivaistiche e il “Km delle rose” rappresenta al contempo un “simbolo eccellente” ed il miglior biglietto da visita per un settore che – secondo l’ultimo rapporto di Veneto Agricoltura – continua ad attraversare una forte crisi, ma vede crescere le quantità prodotte (+7,3%) e, anche in risposta alla contrazione dei consumi interni, la propensione all’export. Dati che rappresentano la spia di un grande cambiamento in atto nel mercato, rispetto al quale Flormart vuole proporsi come spazio di riflessione e di elaborazione di “rotte nuove” e strategie innovative.

 

L’iniziativa “Km delle rose”  si inserisce infatti in un percorso più ampio e ambizioso, avviato lo scorso settembre: Giardino Italia è il nuovo parco permanente delle biodiversità, che sorgerà all’interno del quartiere fieristico padovano e verrà presentato in occasione di Flormart 2017 come parte del progetto complessivo di riqualificazione dell’area, destinata a diventare un polmone verde aperto alla città. Un percorso che vede il coinvolgimento dei vivaisti del territorio, accanto a quelli dei principali distretti italiani.  Il primo passo è stata la presentazione, in occasione di Flormart 2016, di Vaso Italia. L’installazione, che riproduce la biodiversità nel nostro Paese e rappresenta un’anteprima del Giardino Italia, ha raccolto un grande interesse ed è già diventata un modello da esportare: è stata riproposta nell’area di Agripolis a Legnaro, da aprile a ottobre una copia verrà esposta a Giarre nel catanese in occasione del Radicepura Garden Festival, mentre un secondo esempio verrà portato da Flormart all’evento Vestire il Paesaggio, in programma a giugno a Pistoia.

 

Se il “Km delle rose” è il primo passo della collaborazione fra Comune di Saonara e Geo spa, all’orizzonte c’è un progetto ancor più significativo: «Stiamo ragionando – ricorda Griggio – sull’ipotesi di realizzare un museo dedicato al vivaismo e intitolato proprio agli Sgaravatti, la cui straordinaria storia è ancora poco conosciuta e valorizzata».