68^ edizione
ITA

NOVITÀ

02 mag

Florovivaismo: «Riunire principali player per definire nuova strategia italiana nei mercati internazionali»

«Il florovivaismo italiano merita una ribalta internazionale. Per fare questo è necessario che i principali player del mercato adottino una strategia comune da proporre agli attori politico-istituzionali, superando la frammentazione delle rappresentanze». Queste le parole di Mario Faro, ideatore della biennale Radicepura Garden Festival, a margine dell’incontro di oggi (26 aprile) con Luca Griggio, amministratore delegato di Geo Spa e di Flormart Sistema 365, il Salone internazionale del florovivaismo e architettura del paesaggio che si svolgerà a Padova dal 21 al 23 settembre 2016. «Questa partnership ha posto le basi – ha continuato Faro - per una collaborazione che avrà l’obiettivo di elaborare un road show, comune e condiviso, da proporre al tavolo ministeriale di competenza».

«Il punto di partenza di questa sinergia – ha commentato Griggio -  è sicuramente la presenza dell’installazione “Giardino Italia” al Radicepura Garden Festival. Si tratta di una sagoma dello stivale allestita con le piante che rappresentano la biodiversità italiana, e di fatto, la produzione delle aziende florovivaistiche italiane». Nel nostro Paese il florovivaismo è una punta di diamante poiché si tratta di un settore in continua crescita e con una forte connotazione che mira all’export, che è quello di cui ha bisogno la nostra economia per rigenerarsi. Per far ciò, è necessario potenziare il network b2b e creare un rapporto fidelizzato con i buyer: «Radicepura Garden Festival – ha concluso Faro – si farà promotore, insieme a Flormart, di un percorso che possa definire concretamente le strategie vincenti per competere negli scenari internazionali e globali attraverso le eccellenze e i prodotti made in Italy».

In programma, nel calendario dei prossimi incontri: un tavolo di concertazione a Roma, un momento di condivisione a settembre durante il Salone Flormart e la presentazione conclusiva del progetto a fine ottobre a Radicepura (Giarre).